15 gennaio 2014

Non solo auto. Più spazio per camminare e pedalare! (2)




Non puoi avere una rivoluzione della bicicletta se provvedi a una riduzione della velocità’a 30km/ora solo in alcune strade e neppure se realizzi solo alcune piste ciclabili ma devi fare tutte queste misure e dappertutto al fine di realizzare un sistema coerente su tutto il territorio. E, uscendo di casa devi poter trovare, a  poca distanza, una infrastruttura la cui qualità’ e attrattivita’ degli spazi attraversati sia tale da diventare un divertimento percorrerla per te e i tuoi figli. (David Hambrow. www.aviewfromthecyclepath.com)


Infrastrutture del traffico 

Nel post Non solo auto. Più spazio per camminare e pedalare! (1), avevo affrontato la questione del traffico veicolare. Necessario, ma anche problematico, perché oltre a vantaggi, genera anche danni diretti o indiretti per chi oggi si muove a piedi o in bici e scoraggia chi desidera o deve farlo.

Nel comune di Gaiarine, chi voglia muoversi a piedi o in bici con comodità e sicurezza in ogni giorno dell’anno e ovunque ha minori possibilità rispetto a coloro che si spostano in auto. Questa possibilità si è progressivamente ridotta per l’aumentare del traffico negli ultimi anni. Questo guida la realizzazione di nuove infrastrutture.

Circonvallazione

La circonvallazione, da una parte ha ridotto la pressione del traffico veicolare liberando opportunità di movimento per pedoni e ciclisti (centro di Gaiarine), dall’altra, però, ha interrotto antichi percorsi riducendo le scorciatoie esistenti (connettività) per pedoni e ciclisti che ora sono costretti ad allungare il tragitto.

La circonvallazione nel Comune di Gaiarine è una infrastruttura che non si è fatta carico di combinare le questioni della mobilità lenta (pedoni e bici) con quella veloce delle auto e camion. Il progetto non è partito da una lettura attenta ai caratteri e potenzialità della rete del traffico esistente, compresa la rete di pedoni e ciclisti. La circonvallazione ha spostato il problema da una parte all' altra del territorio, non lo ha risolto. E, come si dice, “quando una cosa è fatta è fatta…”

La circonvallazione, dunque, è un progetto che nasce già vecchio, non e' innovativo e voi comprereste un computer degli anni 80? No ovviamente. Allora perché la comunità “acquista” infrastrutture che sono obsolete?


Innovazione ?

La mancanza di innovazione è sia un problema di progettazione che di governo; dell’ingegnere che progetta le infrastrutture riferendosi a manuali del “secolo scorso” e propone soluzioni standard; e del politico che non “vede” i problemi e le opportunità specifiche del territorio che governa e quindi non indirizza il lavoro dei tecnici alla soluzione più appropriata.

La storia della circonvallazione sarebbe potuta andare diversamente ? Forse si, ma da qualche altra parte questo è avvenuto.


Innovazione !

Nelle città di Groningen, in Olanda, il progetto della mobilità è stato affrontato a partire da principi diversi. Qui politici, tecnici e cittadini hanno lavorato insieme. Il video-documentario ricostruisce la micro-storia e illustra il risultato. Anche in questo caso il video è in inglese ma comprensibile senza il sonoro grazie a chiare illustrazioni.

Nel precedente post Non solo auto. Più spazio per camminare e pedalare! (1) ho introdotto due principi guida per la soluzione del problema del rapporto tra auto, bici e pedoni: la integrazione e la separazione. Ho usato il caso di Poynton per introdurre il tema della integrazione tra auto, bici e pedoni che si applica quando il traffico e' lento. Il caso di Groningen offre l’occasione per illustrare che cosa significa separazione delle auto dalle bici e pedoni, quando il traffico veicolare e' veloce, garantendo per questi ultimi spazi adeguati per circolare in condizioni di comfort, sicurezza ed efficienza. Ovunque sul territorio.

Il caso di Groningen sfata la leggenda che il cittadino olandese sia homo ciclibus, nato sulla bici; in Olanda, l’incremento d’uso della bicicletta è seguito a quello della realizzazione di spazi adeguati per chi circola a piedi e in bicicletta. “Il risultato è che oggi a Groningen ci sono 75mila macchine e circa 300mila biciclette.”

Il territorio di Gaiarine

Anche il caso di Groningen, come quello di Poynton, e' utile per riflettere sui limiti delle reti di traffico esistenti nel Comune di Gaiarine e sulle potenzialità dei principi al fondo di questi progetti. Come cambierebbero gli spazi della mobilita' nel Comune di Gaiarine se questi principi venissero tradotti nel territorio locale?

Il territorio del comune di Gaiarine è stato attrezzato - nel corso della storia lunga - con una rete di strade generalmente densa e distribuita in tutte le direzioni. Questo carattere permette, a chi circola, di raggiungere la destinazione potendo scegliere tra diversi percorsi alternativi.

Alcune strade potrebbero essere selezionate e specializzate per favorire pedoni e ciclisti (anche ripristinando la rete dei fossi e siepi) dove l' auto rallenta o sparisce; mentre altre potrebbero essere selezionate per favorire il traffico veicolare e riducendo lo spazio per pedoni e bici.

Ne risulterebbe una rete di traffico per tutti e sviluppata in ogni direzione: "democratica". Che risponde da un lato alla domanda di chi circola a piedi e in bici e dall'altra a chi per lavoro usa l’auto deve raggiungere la propria destinazione. La specializzazione deve essere nelle caratteristiche spaziali (forma, dimensioni e materiali del suolo) non nella segnaletica la cui inutilità è evidente a tutti.

I due casi, quello di Poynton e di Gronningen, insegnano che la ricerca della soluzione più appropria deve partire da una lettura attenta ai caratteri e potenzialità della rete del traffico esistente e di una progettualità che supera le soluzioni convenzionali.  Al fine di utilizzare al meglio il capitale territoriale, a vantaggio della comunità insediata.





10 commenti:

  1. che io sappia, e mi scuso se utilizzo un linguaggio non tecnico, alcune di queste riflessioni erano state manifestate da qualche cittadino in sede di consultazione del Pati. Non so però se questa amministrazione ne ha fatto tesoro, anzi, è possibile sapere qualcosa sull'argomento?

    RispondiElimina
  2. Fatti, no ciacole... E la circonvallazione e' un fatto, a differenza dei vostri proclami...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che la circonvallazione è un fatto! Purtroppo! I fatti mica sono tutti positivi! Questo è un fatto.. coi piedi!!!

      Elimina
  3. La retorica dei "fatti no ciacole" non sta in piedi, e' un falso argomento. In politica le decisioni devono essere prese e i fatti devo seguire le parole. In tempi instabili e di continui cambiamenti come i nostri e' necessario anche agire rapidamente. Tuttavia il fatto in se' non e detto che sia positivo o negativo solo perche' e' un fatto. Di fronte ad allo stesso problema da affrontare le risposte (i fatti) possono essere differenti anche se date nello stesso tempo. Ad esempio, di fronte al problema del traffico in un centro urbano posso 1_fare piu' spazio per le auto demolendo edifici per allargare la strada oppure 2_rallentare il traffico ed eventualmente deviandone una parte. Sono due fatti possibili ma alternativi sia nel principio che nel risultato. Nel caso 1 allagare la strada conduce ad un aumento dei mezzi e della velocita', diminuzione della sicurezza per tutti. Nel caso 2_riesco a centrare piu' obiettivi contemporaneamente, con una mossa a) sicurezza per tutti b) qualita' dello spazio c) accessibilita' non sono per auto ma anche per bici e pedoni. Nei paesi e citta' di tutto il mondo dove i "fatti" sono esemplari, prima di diventare tali sono "ragionati" o "verificati" nelle conseguenze che producono usando molte "ciacole" cioe' argomenti validi su cio' che e' utile e razionale "fare". In modo che alla fine non sia sempre Pantalon a pagare in termini di tasse e salute per la irrazionalita' degli amministratori.

    RispondiElimina
  4. bah io la superata circonvallazione la trovo molto utile al
    tro che no, i camion adesso sono obbligati a non passare per il centro...per quanto riguarda i percorsi pedonali è vero che non ce ne sono per uscire da gaiarine e si poteva far meglio..
    vediamo se le prossima amministrazione ci darà una città pedonabile e a che costo e se questa "pedonabilità" varrà la spesa..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo M. Fossaluzza29 gennaio 2014 18:45

      Mi piacerebbe sapere se i commercianti del centro di Gaiarine sono contenti della circonvallazione. Non sono solamente i camion a non passare più di là, ma neppure le auto. A Gaiarine ora "si va", non "si passa", ma non vedo grandi motivi per cui uno dovrebbe andarci (eventi o altro). Manca solo che realizzino un bel centro commerciale in Comune e Gaiarine diventerebbe un paese dormitorio da cui la gente inizierebbe ad andarsene per assenza di servizi. Ammesso che già non lo stia facendo.

      Elimina
    2. vai tranquillo che se ti piace il pane di gaiarine la circonvallazione non ti impedisce di andare in centro a prenderlo..mentre se da francenigo vuoi andare a prendere il pane a codognè prendi la circonvallazione quindi non vedo il problema

      Elimina
    3. Carlo M. Fossaluzza3 febbraio 2014 15:11

      Se uno parte da Francenigo per andare a Codogné ripromettendosi di comprare il pane per strada in un panificio non specifico allora il panificio di Gaiarine stia sicuro che non lo vedrebbe. Questo è il problema e mi pare piuttosto evidente. Lo stesso dicasi per un caffé al bar o qualunque altra cosa. Confermo (e quel che lei ha scritto lo conferma pure, peraltro) che a Gaiarine "si va" e non "si passa".

      Elimina
    4. allora allo stesso modo tutti i panifici sarebbero già chiusi perchè il pane è al supermercato e a che serve fermarsi al panificio? e anche al bar si può andare a quello vicino al supermercato così non si perde tempo..non è che funzioni proprio così.
      Detto questo sicuramente i negozi avranno qualche cliente in meno, ma (parlo a titolo personale) io il pane lo compro dove lo trovo buono e fresco, al bar vado dove mi trovo meglio, al supermercato dove mi piace di più...e prendo la circovallazione se non mi intaressa passare per il centro....

      Elimina
    5. Carlo M. Fossaluzza4 febbraio 2014 10:55

      Non ci stiamo capendo. Amen. Non mi saprò spiegare io.

      Elimina

partecipa, dì quello che pensi! condividi le tue proposte!