31 dicembre 2011

Un sincero augurio
di
BUON ANNO

da parte del
Gruppo di Cittadinanza Attiva

Fora par Fora

24 dicembre 2011

02 dicembre 2011

Consiglio Comunale del 28/11/2011: cronaca

Premessa (doverosa)
L’attesa è quella di un Consiglio Comunale importante, in primo luogo perché richiesto dalla minoranza consiliare per far luce sul destino del Centro Infanzia di Villa Elena in quel di Albina, vicenda che ha tenuto banco nel nostro blog e sulla stampa locale negli ultimi venti giorni e che ha coinvolto in vario modo Amministrazione, Cooperative, genitori, ex amministratori e semplici cittadini, in secondo luogo perché devono essere approvati i verbali della seduta del 29 settembre, stesi dall’ormai famigerato segretario 33%, che verbalizza creativamente le sedute del Consiglio (vedi post Cronaca del Consiglio del 29 settembre e Verbale 33% - Cronaca 100%). Tutti si aspettano e vorrebbero finalmente un confronto, democratico, vivace e di grande interesse per i cittadini, tra la maggioranza, ovvero sempre solo e soltanto il Megalosindaco (vedi Chi Parla ai Consigli Comunali) e la minoranza, un confronto che chiarisca finalmente i due punti sopracitati.
Ma non è così, l’argomento dei verbali pur segnalato dalla minoranza viene ignorato dal Megalosindaco, mentre sull’altro argomento che meriterebbe pacatezza e precisione, solo un battibecco continuo, insistito, reiterato, soprattutto grazie alla capacità villana e rissaiola di un sindaco maestro nell’arte della provocazione da bottega: pronto, quando in difficoltà, a buttarla in “rissa” (finora fortunatamente verbale), mescolando richiami formali ai regolamenti e all’autorità del Sindaco, battute offensive e boriosamente ammiccanti ai consiglieri di minoranza (magari scivolando nel dialetto paternalistico: te gò pena spiegà, l’età nò te fà capir, ecc.), interruzioni irritanti con battute da osteria, frasi ripetute con sarcastica arroganza.
Il tentativo più che evidente all'attonito pubblico che assiste è quello di trascinare l’interlocutore allo stesso basso livello in modo che, alterato da questa tattica, non riesca più a porre domande precise che vorrebbero risposte precise. Alla fine i ruoli istituzionali sono ridotti a macchietta in una farsa che arriva a comprendere i cittadini, impossibilitati a godere del diritto di capire e giudicare l’operato dei propri eletti.

Appello

Si inizia.. e male.. due consiglieri di minoranza non ci sono, a causa dell’orario di convocazione del Consiglio.. uno di questi telefona al sindaco, poi arriva e dopo una ventina di minuti di presenza e costretto ad andarsene, l’altro è assente giustificato.
C’è un assente anche tra la maggioranza.

Il consigliere Marco Poles (non Alvaro Poles che in 8 anni di Consiglio
Comunale non ha mai aperto bocca) chiede se il sindaco ritiene consono l’orario (le 18.30) di convocazione del Consiglio, facendo presente che i consiglieri lavorano, magari fuori dal comune, e che quindi questo orario crea loro dei problemi.
Chiarit
o che istituzionalmente è prerogativa del Sindaco fissare data e ora di convocazione del consiglio comunale, basterebbe il buon senso per capire dalle assenze più o meno giustificate dei consiglieri che sarebbe opportuno rivedere l’orario di convocazione, ripristinando lo storico (per Gaiarine) appuntamento delle 20.30.
Il sindaco ascolta (almeno sembra) e risponde che poiché tutti i consiglieri lavorano e hanno difficoltà, anche il prossimo consiglio di dicembre sarà convocato alle 18.30.

Si passa al primo punto all’ordine del giorno
1.Approvazione verbali seduta del 29 settembre 2011 (dal n.14 al n.25)
Nella nostra cronaca del 29 Settembre avevamo invitato la minoranza a leggere molto attentamente i verbali stesi dal segretario 33%, e …. suggerimento accolto …. il consigliere Marco Poles chiede il voto disgiunto dei verbali della seduta precedente..
e cos
ì si faranno 6 votazioni: verbali dal n.14 al 18, dal 19-21, il 22, il 23, il 24, il 25, questo per poter evidenziare e chiarire come la maggior parte dei verbali non riportano fedelmente quanto detto in Consiglio comunale..
ovvero questo significa che il segretario 33%, pagato anche dalla comunità di Gaiarine, rivede per necessità o per virtù il suo ruolo e verbalizza come e quanto vuole, sintetizzando, reinterpretando, omettendo, falsando..

verbali dal 14 al 18, Marco Poles fa una dichiarazione, in sunto:

i consiglieri Poles e Scandalo, gli unici della minoranza presenti nel precedente consiglio, esprimeranno un voto contrario all’approvazione di questi verbali perché riportano in modo limitat
o e non esaustivo quanto da loro dichiarato nella seduta in esame e chiedono che i prossimi consigli comunali vengano registrati in modo che non ci possano essere contestazioni su quanto espresso.
Si vota
Maggioranza favorevole, Poles e Scandolo e Antoniolli contrari, astenu
ti gli assenti al consiglio del 29 settembre
verbali dal 19 al 21 Si vota
astenuti gli assenti al consiglio del 29 settembre, gli altri favorevoli
verbal
e 22 arriva il Consigliere Masih Ashraf, Marco Poles nel dichiarare il voto contrario suo e del consigliere Scandolo, dà lettura della lettera inviata al segretario comunale il 3 ottobre 2011..
il sindaco subito lo interrompe «basta che non sia un poema, te sa anca ti che il regolamento..»
il consigliere rassicura il sindaco sulla sua velocità di lettura, poi continua e dice concludendo: «Ribadiamo che l’approvazione della delibera inizialmente iscritta al punto 9 dell’ordine del giorno, ove si è svolta tutta la discussione riguardante sia le osservazioni che il Piano di Recupero e la votazione al punto 11 solo per la parte riguardante l’approvazione e senza alcuna preventiva discussione non possano assolutamente essere considerate valide anche alla luce delle normative vigenti e pacifica giurisprudenza.”
Si vota

Maggio
ranza favorevole, Poles e Scandolo contrari, astenuti gli assenti al consiglio del 29 settembre
verbale 23
Marco Poles fa la medesima dichiarazione, fatta per i verbali dal 14 al 18
Si vota

Maggioranza favorevole, Poles e Scandolo contrari, astenuti gli assenti al consiglio del 29 settembre
verbale 24

Si vota
astenuti gli a
ssenti al consiglio del 29 settembre, gli altri favorevoli
verba
le 25
Marco Poles ripete la medesima dichiarazione fatta per i verbali dal 14 al 18

Si vota
Maggioranza favorevole, Poles e Scandolo contrari, astenuti gli assenti al consiglio del 29
settembre
Sugli interventi del consigliere Poles e i voti contrari sui verbali non una parola del segretario o del sindaco, silenzio totale, indifferenza assoluta.. Sui loro volti si può quasi leggere ciò che pensano: Ma che importanza ha se i consiglieri hanno detto una cosa e non è stata scritta o ne è stata scritta un’altra.. Ma chi se ne frega (di onorata memoria), ma chi sono questi?.. Ma cosa vogliono?.. Dai, che andiamo a casa..
Ma il nostro statuto comunale (Art 43 comma c) esplicita in modo chiaro il ruolo del segretario: il segretario comunale partecipa con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni del consiglio e della giunta e ne cura la verbalizzazione. Però è vero che non specifica se la verbalizzazione deve essere precisa o imprecisa, vera o falsa.

2.
Relazione della giunta su Villa Elena, sulla sua destinazione attuale e futura, sull'individuazione delle esigenze, dei bisogni, dei costi nonché del quadro di sostenibilità finanziaria posti a base della scelta contenuta nella delibera giuntale n.95 del 18 ottobre 2011 dal titolo "Istituzione sezione di Scuola Materna. Disposizioni della giunta comunale"
Si inizia con il Sindaco che, furbescamente, aspetta in silenzio..

tutti si guardano.. il silenzio continua..
Allora con aria sorniona il Sindaco invita le minoranze ad intervenire.. «Ma come? Avete chiesto un Consiglio comunale e ora nessuno parla, mi aspettavo che aveste qualcosa da dire..» (il sindaco ignora astutamente il titolo del punto all’ordine del giorno: 2. Relazione della giunta su Villa Elena..)
L’occasione era d’oro ma si è persa. Se avesse insistito nel suo silenzio poteva accadere ‘ommiracolo: un suo Assessore, magari quello con delega alla Pubblica Istruzione, avrebbe profferito parola dimostrandosi addirittura in grado di relazionare..
Il consigliere Antoniolli inizia a dire come s
ia compito della giunta illustrare l’intricata situazione di Villa Elena, ma il megalosindaco non ci sta e ribatte come non senta alcuna necessità di relazionare su una normalissima vicenda ormai risolta, seguono agitati e rabbiosi botta e risposta.. poi il Sindaco legge la lettera del Consigliere Rosada (la trovi qui) ricevuta in mattinata e indirizzata a lui, ai capogruppo e agli ex amministratori.. finita la lettura non la commenta, stacca la spina e si colloca in standby..
Allora Antoniolli fa p
resente che vorrebbe sapere cosa è successo e che con la richiesta di collocare il centro infanzia nell’istituto comprensivo si è modificato lo stato del centro infanzia.
Il Sindaco risponde «non si è modificato un bel niente, chiedete un Consiglio.. e tu come capogruppo non sai neppure di cosa si stia parlando..» signori, a tavola: ecco servita la rissa!
Spizzicando qua e là:
Antoniolli «ma come ti permetti, basta con questo atteggiamento arrogante.. con i richiami al regolamento come hai fatto prima con Poles solo quando ti fa comodo, basta con questi atti terroristici.. tu non sei qui per dare i voti ai consiglieri ma per rispondere»…
e il Sindaco risponde subdolo e mellifluo che voleva solo restituire dignità al suo ruolo di capogruppo di un
a minoranza che lo ignora, proponendo argomenti dei quali lui nulla sa..
Interviene il consigliere Marco Poles (non Alvaro Poles che in otto anni di Consiglio comunale non ha mai detto una parola) chiedendo in tono pacato ma fermo se si possono avere dei chiarimenti in merito alla vicenda Villa Elena.

Il Sindaco
si calma e propone la seguente cronistoria:
  • maggio 2011 richiesta a varie cooperative di una manifestazione di interesse per la gestione del Centro Infanzia; due cooperative tra cui “Insieme Si Può” rispondono manifestando interesse (attenzione: il consigliere Marco Poles chiede se tutte e due avessero i requisiti richiesti, il Sindaco risponde che erano due, ignorando volutamente il merito della domanda
  • “Insieme Si Può” dichiara una perdita nella gestione del Centro Infanzia di 5.000 euro al mese
  • la gara va deserta e una nuova gara per cercare altre cooperative diventava difficile
  • si è cercata una strada alternativa: è del 15 settembre la richiesta alla Provincia per inserire Villa Elena nell’istituto comprensivo
  • si è cercata una soluzione, per proseguire il servizio, con una proroga a “Insieme Si Può“ fino a novembre e il successivo affidamento provvisorio ad una cooperativa di Treviso fino al 31 dicembre
  • è stata indetta una nuova gara, invitando 5 cooperative, per la gestione dei prossimi 6 anni, scadenza della gara fine dicembre 2011;
  • quindi tutto è come prima, nessun cambiamento, stesso personale, stesse insegnanti.
  • per i genitori e per i bambini non cambia nulla.
Tutto qua.

Il consigliere Masih Ashraf esce, non prima di essersi lamentato, sobriamente, con il Sindaco per l’orario di convocazione del Consiglio. Nessun chiarimento sul bando di gara, sul perché la Cooperativa “Insieme Si Può”, dopo aver assicurato la partecipazione alla gara estiva non si è presentata, nessun chiarimento sulla mancata partecipazione dell’altra cooperativa, niente di niente di niente (il consigliere Alvaro Poles si rinfranca: è la sua posizione da 8 anni).
Prende la pa
rola il Consigliere Marco Poles… legge la lettera degli ex amministratori (la trovi qui) e fa presente che nel precedente consiglio aveva chiesto chiarimenti sulla gara, sulla durata del Contratto con “Insieme Si Può” e aveva espresso la sua preoccupazione per l’evoluzione della situazione del Centro Infanzia, ricorda che il sindaco non aveva dato nessun chiarimento (ricordiamo noi che l’unica cosa detta dal Sindaco fu “Insieme Si Può” gestirà il Centro infanzia sino al 30 novembre 2011»).. Per tutto questo conclude chiedendo si apra un dibattito pubblico per rendere partecipi i cittadini della situazione e capirne l’orientamento.
Il consigliere Antoniolli chiede a sua volta cosa succederà se anche la nuova gara non dovesse andare a
buon fine?
Il sindaco minimizza e ci viene un sospetto: cosa sa che noi non sappiamo?
Sempre
Antoniolli ipotizza che ..”se la gara andrà deserta Villa Elena passerà in Gestione all’istituto comprensivo e il nido non ci sarà più”
Il sindaco minimizza ancora, poi se ne esce con “la richiesta fo
rmulata alla provincia per il passaggio all’Istituto comprensivo è un escamotage, che preparasse ad ogni evenienza”
Quindi:
si fanno delibere, si inoltra formale richiesta di istituzione di una sezione di scuola materna alla Provincia di Treviso ed alla Regione Veneto, si ottiene l’approvazione dalla commissione preposta e tutto questo è un escamotage (parola testuale: il sindaco sa anche le lingue!). Se la cosa non fosse seria per l’implicazione che tutto questo ha sulla vita dei bimbi, sulle loro famiglie, sul venir meno di un servizio qualificato come quello offerto dal Centro Infanzia, verrebbe da ridere stupefatti, ma una riflessione incombe: ci meritiamo davvero come cittadini del comune di Gaiarine, un Sindaco, una Giunta, una amministrazione di tal fatta? Sì, evidentemente, se democraticamente si elegge un ornitorinco (nel rispetto delle regole) democraticamente è giusto che un ornitorinco governi un paese e ne rappresenti i cittadini (ovviamente lo stesso vale per asini, trote, mafiosi, puttanieri, cerebrolesi).
Ma torniamo alla cronaca.
Antoniolli continua: «vista la situazione che già si era delineata in estate alcuni bambini se ne sono già andati dal Centro Infanzia » … altri battibecchi cosa ne sai tu? non sai di cosa parli.. mi hanno detto.. non conosci nemmeno i numeri.. dammeli tu se li conosci.. sono scritti e non li hai nemmeno letti.. ecc..ecc..
Il co
nsigliere Scandolo chiede allora quanti sono ora i bimbi del nido e quanti fossero in precedenza..
Il Sindaco risponde «adesso sono sei (6) ma in precedenza non so.. non ho qui i numeri.. dovre
i sapere tutto a memoria»
Antoniolli al Sindaco «ma guarda che sei tu che devi relazionare, i numeri li dovresti conoscere e darceli» ancora battibecchi
Si percepisce Antoniolli: «sicuramente tutto questo dimostra una carenza dell’amministrazione nella gestione della vicenda».

Il consigliere Scandolo interviene facendo riferimento alla determinazione (avuta in mattinata) del 23 Novembre 2011 della responsabile dell’area amministrativa riguardante l’incarico temporaneo alla “Cooperativa Provinciale Servizi” (incarico fino al 31 dicembre) chiedendo come mai a fronte del prolungamento dell’orario giornaliero, su richiesta dei genitori, non sia stata fissata una retta e si sia lasciata libertà alla cooperativa di determinare l’importo aggiunto da applicare e chiede quali siano gli importi che verranno erogati come contributi dal Comune alle famiglie che hanno subito un innalzamento della retta. Si aggiunge il Consigliere Marco Poles chiedendo,come aveva già fatto nel precedente consiglio, «perché invece di investire nella nuova palestra, non si investe nei servizi alle persone e alle famiglie?»
Poi fa notare che nel 2010 l’asilo di Francenigo ha ricevuto gli stessi contributi che hanno ricevuto “le attività sportive del comune” pur essendo diminuiti i contributi regionali a favore degli asili. Il Sindaco dice qualcosa sostenendo che si tratta di attività sportive giovanili e ritorna invece sulla domanda del consigliere Scandolo, che attende una risposta sui contributi comunali alle famiglie e lo prega di leggere la determinazione di cui sopra, cosa che non fa e dice «non c’è nessun impegno formale», smentendo di fatto l’anticipazione (velina fornita?) comparsa sulla stampa quella stessa mattina.
Aggiunge «oggi è partito l’invito alla gara a 5 Cooperative e le rette a base d’asta sono di 520 euro per i bambini del nido e 210 euro per i bambini delle scuola materna».
Dalla minoranza viene chiesto al Sindaco con quali criteri si siano fissate le rette della gara andata deserta..
Il Sindaco risponde «con quelli che la Cooperativa “Insieme Si Può” applicava agli altri asili che aveva in gestione» (sarebbe interessante sapere da "Insieme Si Può" se ciò corrisponde al vero).
Antoniolli: «a me pare fosse indispensabile un maggior dialogo con questa cooperativa, che servisse
a capire meglio le difficoltà economiche relative alla gestione di Villa Elena, concordare le rette..si doveva parlare.. dialogare..»
Sindaco in modo lapidario: «Tutto quello che lei dice è stato fatto»
Antoniolli: «quindi “Insieme Si Può” era d’accordo sulle rette e poi non ha partecipato alla gara?»
Sindaco in modo lapidario e canzonatorio: «Tutto quello che le dice è stato fatto»
Fine dell’attesissimo chiarimento sul Centro Infanzia.
Tutto chiaro n
o? Gentili e pazienti lettori, vi siete chiariti?
Avete quindi determinato fatti, responsabilità e/o corresponsabilità. Forse no..
Ma forse è colpa del nostro modo di scrivere fazioso, rancoroso, apocalittico..
o forse il “piccione viaggiatore” disorientato dalle correnti in quota è disperso tra Filicudi e Lipari.

3. Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 - "intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l'utilizzo dell'edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche", modificata e integrata con legg
e regionale 9.10.2009 n. 26 e l.r. 8.07.2011, n. 13. approvazione modalita' applicative "Piano Casa".
E’ la riapprovazione del Piano Casa con l’unica variazione che rende possibile l’ampliamento anche in centro storico. Marco Poles si complimenta per la modifica, accennando al famigerato “federalismo” sbandierato a parole ma nei fatti, vedi Piano Casa, smentito clamorosamente quando i comuni subiscono completamente le decisioni della regione.
Si vota
tutti favorevoli.

19.30 il consiglio è finito, e sembra (sembra?) che l’assessore Peruch sia rimasto sempre vigile, mai uno sbadiglio, mai un umanissimo momento di stanchezza..

Come scoglio immoto resta
Contro i venti e la tempesta
Così ognor quest'alma è forte
Nella fede e nell'amor.
..
Rispettate, anime ingrate,
Quest'esempio di costanza;
E una barbara speranza
Non vi renda audaci ancor!

01 dicembre 2011

Centro Infanzia di Villa Elena e dintorni (4) - L'EPILOGO aggiornato

Insomma tutto è stato risolto..
Villa Elena non verrà chiusa e le famiglie potranno continuare ad usufruire del prezioso servizio.. Anche il segretario comunale pare abbia rassicurato i genitori..
E pure il sindaco assieme alla Cooperativa che subentrerà nella gestione ha voluto parlare con le quattro insegnanti della Cooperativa Insieme Si Può.
Potrebbe quindi proporre loro di dare continuità alla struttura chiudendo il rapporto con ISP e iniziare con quella nuova..
a tempo indeterminato? O a scadenza?
Perché la nuova cooperativa gestirà Villa Elena fino ad Agosto.. e poi?
Dalle pratiche avviate Villa Elena diventerà succursale della Scuola Materna Statale di Gaiarine, quindi non più gestita da Cooperative..
Quindi per le insegnanti si dovrebbe prospettare una scelta non facile: continuare un rapporto di lavoro con ISP ma non più a Villa Elena e quindi in qualsiasi altra sede della provincia di Treviso e/o limitrofe (con la certezza non solo che più la sede è lontana più aumentano le spese di trasporto ma anche che difficilmente potranno avere alternative a tempo pieno ma parziali, a ore e magari frazionate in sedi diverse) oppure accettare la nuova proposta, dare continuità al proprio lavoro e garanzia alle famiglie sapendo però che tra dieci mesi saranno comunque punto e a capo (ovvero senza lavoro)?
Senza contare che in una Cooperativa l’anzianità di servizio è molto importante e può far la differenza tra lavorare e aspettare, ogni mattina, una telefonata che comunichi una sostituzione o un rimpiazzo, magari un'ora sola a 30 km da casa..

E chi già conosce il mondo delle Cooperative sa che quando ci si entra si potrebbero trovare condizioni e clausole nel contratto che vincolano il rapporto di lavoro all’anzianità di servizio (propria e di altri).

Poi tra il personale impiegato a Villa Elena c’erano anche le indispensabili signore delle pulizie, tre per essere precisi..
E loro? Rimarranno tutte e tre? Due? Una? Nessuna?
Non è dato sapere, ma poichè segretario comunale e sindaco han detto che nulla cambierà.. possiamo star tranquilli..
Certo, questa è l’altra faccia della medaglia Villa Elena, quella che riguarda le insegnanti, donne (come han sempre detto gli stessi genitori) brave, competenti, professionali, alle quali vengono affidati ogni giorno decine di bambini, donne che col loro lavoro offrono un servizio e un supporto fondamentale a genitori che a loro volta lavorano e non saprebbero come conciliare famiglia e lavoro.

L’1 dicembre ne capiremo di più.

Ma proviamo a pensarci già da oggi.

-----------------------------------------------------------

aggiornamento 1° dicembre
Stamattina a Villa Elena due insegnanti nuove alla Scuola Materna, mentre delle due lasciate a secco da ISP, al Nido ne è rimasta una con contratto a tempo pieno (ma determinato) e un'altra per l'orario serale e di chiusura (a orario ridotto).
Se non fosse per il rispetto verso il comprensibile disorientamento di genitori e bambini l'ironia su sindaci maghi e giornalisti smemorati sarebbe fin troppo facile..
Naturalmente attendiamo conferme formali, questo è solo un blog non la Gazzetta Ufficiale.

26 novembre 2011

L'onda lunga: Report domenica 27 novembre

Per una nostra storica sensibilità ai temi dell'inquinamento elettromagnetico
segnaliamo un servizio/inchiesta sulla telefonia cellulare,
in onda domenica sera nel corso del programma Report, su Rai3.




25 novembre 2011

Convocazione Consiglio Comunale Lunedì 28/11/2011 ore 18.30

Il Consiglio Comunale è convocato per il giorno di Lunedì 28/11/2011 ore 18.30 presso la sala della Casa Comunale di Villa Altan a Campomolino con il seguente ordine del giorno:

1. APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA DEL 29 SETTEMBRE 2011 (DAL N. 14 AL N. 25)

2. RELAZIONE DELLA GIUNTA SU VILLA ELENA, SULLA SUA DESTINAZIONE ATTUALE E FUTURA, SULL'INDIVIDUAZIONE DELLE ESIGENZE, DEI BISOGNI, DEI COSTI NONCHE' DEL QUADRO DI SOSTENIBILITA' FINANZIARIA POSTI A BASE DELLA SCELTA CONTENUTA NELLA DELIBERA GIUNTALE N. 95 DEL 18 OTTOBRE 2011 DAL TITOLO "ISTITUZIONE SEZIONE DI SCUOLA MATERNA. DISPOSIZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE"

3.
LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 - "INTERVENTO REGIONALE A SOSTENGO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE aLLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007, N. 16 IN MATERIA DI BARRIERE ARCHITETTONICHE", MODIFICATA E INTEGRATA CON LEGGE REGIONALE 9.10.2009 N. 26 E L.R. 8.07.2011, N. 13. APPROVAZIONE MODALITA' APPLICATIVE "PIANO CASA".

Sempre alle 18.30, per essere meno stanchi alla fine.

24 novembre 2011

La ghiaia dei senza soldi.

Martedì 15 novembre (10 giorni fa) ho scoperto come si usa oggi, in quel di Gaiarine, sistemare le strade bianche di campagna.
Avendo, come cittadino di Gaiarine, fatto presente più volte al responsabile della manutenzione comunale la necessità di una inghiaiatura per coprire le buche formatesi sulla strada bianca denominata “strada delle Minghelle” (laterale di Via Terraglio), mi aspettavo, prima o dopo, che il Comune, come ha sempre fatto in passato, arrivasse con un bel camion di ghiaia, la scaricasse e successivamente la stendesse con la pala meccanica ricoprendo le buche esistenti.
Le buche sono state in parte ricoperte, non utilizzando la ghiaia ma bensì fresato d’asfalto, materiale di risulta della limatura delle strade prima essere riasfaltate. Ritenendo che il fresato d’asfalto non fosse il materiale più idoneo alla sistemazione di una strada bianca, ma bensì un rifiuto “speciale” ho telefonato al responsabile della manutenzione comunale.Per non tediarvi riassumo brevemente le risposte ottenute alle mie richieste di chiarimenti:
  • i cittadini, come sempre, sono subito pronti a lamentarsi
  • non è fresato d’asfalto ma bensì semplice ghiaino macinato
  • il ghiaino macinato (per me fresato d’asfalto) è materiale adatto per questo tipo di intervento
  • la strada per lungo tempo non avrà più bisogno di manutenzione
  • ci saranno sempre meno soldi per far la manutenzione come “che volarìa mi
A fronte delle risposte ricevute ho invitato il responsabile a non proseguire la manutenzione della strada con il medesimo materiale e gli ho detto che mi sarei informato se quello che lui chiamava “ghiaino macinato” poteva essere usato allo scopo.Conclusione: il comune di Gaiarine non ha soldi per la ghiaia e per supplire smaltisce impropriamente un rifiuto speciale non pericoloso sulle strade bianche del comune mentre in altre parti di Italia si promuove una legge nazionale per la loro valorizzazione e tutela.


- il fresato d'asfalto è un rifiuto? leggi qui
- come si recupera il fresato d'asfalto? leggi qui


(via delle Minghelle, senza "ghiaino macinato")

16 novembre 2011

Centro Infanzia di Villa Elena e dintorni(3)

Ora tutto tace.

I genitori dei bambini del Centro Infanzia dopo aver avuto l’assicurazione (così si dice, noi, non essendo amministratori e non essendo genitori coinvolti nella faccenda, le informazioni le dobbiamo cercare e non sempre siamo sicuri delle loro veridicità) che l’anno scolastico proseguirà e che la gestione del Centro, fino alla fine dell’anno, sarà affidato ad un'altra cooperativa, rientrano nei ranghi.

D’altra parte era impensabile, come già scritto su questo blog, che fossero lasciati in mezzo ad un guado e quindi giustamente venendo meno l’emergenza si sentono soddisfatti, hanno per l’anno 2011/2012 risolto il loro problemi.

Non ha più importanza determinare responsabilità o corresponsabilità. La poca trasparenza, la mancanza di informazioni corrette, il mancato confronto, le preoccupazioni, le arrabbiature, sono tutte cose che pian piano decantano, svaniscono, sfumano, si allontanano e poi … per il prossimo anno si troverà un'altra soluzione.

In effetti viviamo in una società dove tutto è “spot”, dove è il presente quello che conta….. e non è forse la mancanza di una visione di “futuro” uno dei problemi più grandi che ha l’Italia di oggi?.

Mi sembra opportuno in questo momento, rendere ancor più pubblica la lettera aperta (potete leggerla qui) scritta dagli ex amministratori del Comune di Gaiarine, coloro che, con sforzi comuni, sono riusciti nel 1998 ad avviare il Centro Infanzia, istituendo un servizio innovativo in grado di soddisfare i bisogni delle famiglie con bimbi piccoli.

In essa vi sono le preoccupazione del “presente” ( che sembrano superate) ma soprattutto quelle del “futuro” del Centro Infanzia di Villa Elena.

Qui doverosamente devo citare la frase di De Gaspari, già riporta in uno dei commenti di Roberto, "il politico pensa alle prossime elezioni, lo statista alle prossime generazioni."

Abbiamo tutti, anche se non siamo degli statisti ma semplici cittadini, l’obbligo di pensare alle prossime generazioni, e tale obbligo lo hanno anche i genitori di oggi nei riguardi dei genitori e dei bimbi che verranno.

Noi non vogliamo fermarci vogliamo conoscere responsabilità e corresponsabilità, ma soprattutto vogliamo che il Centro Infanzia di Villa Elena continui ad accogliere bimbi dai sei mesi ai sei anni dando quel servizio qualificato e flessibile che gli ha permesso di operare in questi anni, perché, altrimenti, sarà destinato a chiudere.

14 novembre 2011

Centro Infanzia di Villa Elena e dintorni(2)

Scusate per il ritardo con cui mi faccio vivo, ma oggi sono stato impegnato, e solo ora sono davanti al computer.
Per non avere documenti sparsi nel blog pubblico:

- La lettera del 28 Luglio 2011 inviata ai genitori del Centro Infanzia da parte della “Cooperativa insieme si può” contenente la conferma di partecipazione al bando.
- La lettera del 11 Novembre 2011 inviata ai genitori del Centro Infanzia e al Sindaco di Gaiarine da parte della “Cooperativa insieme si può” contenente la motivazione di non partecipazione alla gara del Comune diGaiarine. Lettera già agganciata nel suo commento da Enrico (che ringrazio per la sua tempestività)

Non siamo ancora in possesso del Bando, documento importantissimo per determinare le responsabilità o corresponsabilità degli attori di questa vicenda ancor più importante dato che leggo nella lettera del 11 Novembre 2011 Ritengo doveroso ribadire che la Cooperativa non ha partecipato alla gara bandita dal Comune di Gaiarine il 27 Luglio 2011 (per il periodo 01 Settembre 2011 — 31 Agosto 2017), a causa dell'assoluta inadeguatezza del corrispettivo economico per il servizio , come io stessa ho avuto modo di illustrare all'Assemblea dei Genitori il 29 Agosto 2011 presso il centro Infanzia Villa Elena

Questo significherebbe che pur essendoci la volontà di proseguire il servizio per sei anni le condizioni del bando erano tali, dal punto di vista economico, da non permettere l’accettazione da parte della “Cooperativa insieme si può” delle condizioni del bando stesso.

Se così fosse, cioè la presenza di condizioni inaccettabili per la Cooperativa, questo farebbe ricadere la responsabilità sull’Amministrazione di Gaiarine, ma con certezza lo potremmo sapere solo conoscendo effettivamente quali siano state le condizioni richieste, che potranno essere conosciute dai genitori richiedendole al sindaco nella riunione di martedì e che potranno essere messe a conoscenza di tutti i cittadini di Gaiarine e non solo nel Consiglio straordinario che i Consiglieri di minoranza hanno richiesto.

Resto della opinione (magari errata che ho già espresso nel post precedente) che sia iniziata una trattativa e che poi questa si sia trasformata in una situazione di “muro contro muro” e che alla fine l’Amministrazione di Gaiarine sia rimasta “con il cerino accesso in mano”, di qui gli atti successivi, con tutto quello che questi comportano e comporteranno

Quello che si può dedurre in modo certo, visti anche i commenti, è che siamo di fronte ad una totale mancanza di trasparenza, mancanza da addebitare sia alla Cooperativa sia Amministrazione di Gaiarine.

In ogni caso ora siamo in presenza di una situazione che ha del paradossale: famiglie messe nelle condizioni dal 1 dicembre (quindi ad anno scolastico iniziato da tre mesi) di non avere più il servizio che in varie forme era stato loro assicurato.

Cosa fare?
Mettere in campo tutte le forze della società civile di Gaiarine e degli altri comuni interessati per opporsi con ogni mezzo lecito a questa situazione al fine di raggiungere dopo aver verificato da parte di una delegazione dei genitori le condizioni economiche del bando precedente, la pubblicazione di un nuovo bando che abbia condizioni economiche diverse ed accettabili dalla “Cooperativa insieme si può” e che sia aperto a tutti gli altri soggetti in grado di svolgere queste servizio.

La giunta comunale ha già fatto dei passi per inserire nel 2012 il Centro Infanzia all’interno dell’Istituto Comprensivo?

Per degli Amministratori che abbiano veramente a cuore, non solo a parole, i problemi di questi genitori è cosa di poco conto ritornare sui propri passi, anche perché la competenza di tali scelte spetterebbe al Consiglio Comunale e non alla giunta, come ricordato dal Consigliere Rosada nel suo commento sul Centro Infanzia.

Il gruppo Fora x Fora è a disposizione per supportare qualsiasi azione democratica che abbia per obbiettivo la continuazione del servizio del Centro Infanzia di Villa Elena.

12 novembre 2011

Meno male che te ne vai

Lettera da un assessore

Egregio Sig. Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, sono un amministratore comunale di un piccolo paese all’imbocco della Valle di Susa in Piemonte e le scrivo in merito alle sue dichiarazioni che ho avuto modo di leggere in merito alla disastrosa alluvione che ha colpito il Levante Ligure e la Lunigiana. Lei attribuisce i morti ai cambiamenti climatici. Purtroppo non sono d’ accordo con Lei.

Il responsabile di quella tragedia sono io: amministratore, cittadino italiano nonché elettore.

Sono io amministratore quando sono costretto ad ampliare le aree edificabili e quindi a cementificare il territorio che non è più in grado di assorbire l’acqua piovana che così “scivola” altrove, per poter incassare oneri di urbanizzazione e quindi mantenere sano il bilancio del Comune. Quando non so urlare abbastanza la mia rabbia per i soldi che mancano per le piccole cose: mantenere puliti i canali, i torrenti di montagna, mettere in sicurezza gli argini, monitorare le frane ma che miracolosamente piovono dal cielo per le grandi, grandissime opere. Quando imploro l’aiuto dei volontari della protezione civile che sostituiscono le gravi lacune delle Istituzioni pubbliche anziché pretendere con ancora maggior forza (se mai fosse possibile) i fondi necessari.
Quando i fondi me li procuro, ma con gli oneri di urbanizzazione creando così un circolo viziato senza fine.

Sono io cittadino italiano quando per pigrizia, disinformazione, troppa fiducia nei miei rappresentanti evito la partecipazione diretta, la cittadinanza attiva e lascio che presunte “scelte strategiche” quali TAV, ponte sullo stretto, rigassificatori, inceneritori sottraggano denaro alla manutenzione del territorio, delle sponde dei fiumi, alla messa in sicurezza delle scuole, alle energie alternative, tutte cose che creerebbero moltissimi posti di lavoro immediati e diffusi su tutto il territorio nazionale, ma soprattutto controllabili dagli enti locali e non fagocitati dalle scatole cinesi del General contractor o peggio dalla criminalità organizzata. Quando non faccio sentire la mia voce, quando resto a casa perché macinare km in un corteo è faticoso, rischioso o peggio sconsigliato a parteciparvi dagli stessi politici (se non sono stati loro a organizzarlo e promuoverlo!) o peggio ancora perché minacciato di essere “radiato” dal mio partito di riferimento se vi partecipo.

Sono io elettore, il responsabile, quando non vigilo sull’operato degli eletti, non li stimolo, controllo, quando dopo aver espresso il mio voto delego ad altri in toto e mi allontano per 5 anni (o quanto dura la legislatura) dalla cosa pubblica, dalla vita associativa, dal volontariato.
Quando mi lascio: abbindolare dai media e fatico a farmi una mia opinione, terrorizzare dal voto utile (per non lasciare il paese in mano alle destre dicono gli uni o alle sinistre dicono gli altri), ingannare dagli apparentamenti di coloro che parenti stretti non potranno mai esserlo.
Quando non mi accorgo che miliardi di euro vengono impegnati e promessi nei programmi elettorali per l’ acquisto di aerei da combattimento (ma l’Italia non ripudia la guerra?) o per un inutile buco in valle di Susa mentre una dopo l’altra le regioni italiane si sgretolano sotto frane, alluvioni, terremoti (non sempre così intensi rispetto ai danni arrecati anche agli edifici pubblici che dovrebbero essere i più sicuri).

In una democrazia “imperfetta” quale la nostra, la responsabilità è sempre mia , cioè di tutti i cittadini che liberamente e senza condizionamenti dovrebbero scegliere il meglio. Secondo me i cambiamenti climatici, purtroppo, non c’entrano o c’entrano poco.

Non so se questa lettera giungerà a destinazione, sicuramente arriverà nelle mani di chi la giudicherà inopportuna, infarcita di demagogia e populismo sostenendo che il Presidente della Repubblica ha sempre ragione. Io posso solo immaginare i motivi profondi della sua dichiarazione in cui cita i cambiamenti climatici come responsabili della disastrosa ultima alluvione. In questo caso è da ringraziare, per la sua prudenza e grande senso di responsabilità.

La saluto cordialmente.

Sant’Ambrogio di Torino, 26 ottobre 2011
Mauro Galliano,
Assessore Comune di Sant’Ambrogio di Torino ( valle di Susa),
Comune di 8,59 kmq. con 4.843 abitanti


"qualche numero: secondo i dati Istat tra il 1990 e il 2005 la superficie agricola utilizzata (SAU) in Italia si è ridotta di 3 milioni e 663 mila ettari, un’area più vasta della somma di Lazio e Abruzzo: abbiamo così convertito, cementificato o degradato in quindici anni, senza alcuna pianificazione, il 17,06% del nostro suolo agricolo. Il record assoluto spetta alla Liguria, dove la contrazione della SAU raggiunge il 45,55, seguita dalla Calabria col 26,13%.”
(da Paesaggio Costituzione Cemento di Salvatore Settis)

i governi liguri dal 1970 in poi:
1970 - 1975 Gianni Dagnino DC
1975 Giorgio Verda DC
1975 - 1979 Angelo Carossino PCI
1979 - 1980 Armando Magliotto PCI
1980 - 1981 Giovanni Persico PRI
1981 - 1983 Alberto Teardo PSI
1983 - 1990 Rinaldo Magnani PSI
1990 Renzo Muratore PSI
1990 - 1992 Giacomo Gualco DC
1992 - 1994 Edmondo Ferrero DC/PPI
1994 - 2000 Giancarlo Mori PPI
2000 - 2005 Sandro Biasotti FI
2005 - Claudio Burlando PD

09 novembre 2011

Verbale 33% - Cronaca 100%

A proposito del Consiglio Comunale del 29 settembre 2011, questo il confronto tra verbale e cronaca

Verbale del segretario comunale al 33%

(qui il verbale)

Il consigliere Poles Marco dichiara di astenersi dalla votazione del presente ordine del giorno in quanto ritiene che per togliere il grado di protezione sia necessario una variante urbanistica e non un semplice piano attuativo, pur condividendo l'esigenza dell'associazione ed i pareri espressi dallasovrintendenza;
A questo punto si passa alla votazione del provvedimento ed il sindaco constatato che i due membri della minoranza pur presenti sui banchi non votano, prende atto della mancanza del numero legale e sospende la trattazione del presente punto per passare al successivo;
Esaurito l’ordine del giorno successivo si riprende il presente ordine del giorno dando atto che nel frattempo è sopraggiunto il consigliere Busetto Angelo;

A questo punto il sindaco mette in votazione il provvedimento;

Con voti nove favorevoli su nove presenti e votanti

DELIBERA



Cronaca di cittadini al 100%

(qui la cronaca)

Si arriva quindi al voto conclusivo sul piano. Il consigliere Poles contesta la procedura scorretta ma non la finalità dell’opera riconoscendo come legittime le aspirazioni dell’ARCuF.Al momento della votazione la minoranza dichiara di non partecipare al voto, dopodiché si vota, il Segretario conta le mani alzate e .. colpo di scena!

Si sente distintamente il Segretario contare a voce alta «..quattro cinque sei sette otto.. due non partecipano.. otto!»

E conferma «Otto.. Non abbiamo il numero legale..»

Sguardi sorpresi e allibiti nella maggioranza, «Ah, non importa» sentenzia il MegaloSindaco «posticipiamo il voto in chiusura del Consiglio, l’Assessore Busetto sta per arrivare».

La scorretta e irregolare mossa non sfugge al pubblico che fa notare ad alta voce come in realtà la votazione sia stata già eseguita e invalidata dall’insufficienza dei presenti.



ora: dati i fatti, visti gli interventi, ascoltate le dichiarazioni
nel consiglio comunale del 29 settembre 2011;
considerate le percentuali dei due trascrittori; valutate le inconciliabili differenze;
determinare:
1° la corrispondenza al vero dei due testi
2° l'attendibilità dei due testi
ipotizzando come la percentuale possa rispecchiare il rapporto tra verità e finzione
ovvero
dice la verità, solo la verità, tutta la verità
chi è cittadino al 100% o chi è segretario al 33%?

05 novembre 2011

Centro Infanzia di Villa Elena e dintorni.

Come promesso all’anonimo che chiedeva informazioni sul Centro Infanzia di Villa Elena diamo conto di quanto siamo riusciti a sapere e a ricostruire attraverso gli atti del Comune, ricostruzione forse non esaustiva ma che potrà essere arricchita da successivi post e/o commenti di persone a cui sta a cuore il servizio che questa struttura comunale ha erogato in questi anni, ci riferiamo in particolare ai genitori del nostro comune.
La convenzione con la cooperativa “Insieme si può” gestore del Centro Infanzia, scadeva il 31 Luglio 2011.
Il 12 Maggio 2011, con scadenza 23 Maggio, il Comune di Gaiarine emetteva un bando ricognitivo propedeutico ad una gara informale.
L’oggetto del bando (che potete leggere qui) recita “BANDO RICOGNITIVO PER LA VERIFICA DELL’ESISTENZA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER L’AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO INFANZIA COMUNALE VILLA ELENA PER IL PERIODO 01.09.2011 – 31.08.2017”
I requisiti richiesti (aver già gestito nell’ultimo triennio (2008, 2009 e 2010) almeno tre Centri d’infanzia e avere un fatturato complessivo realizzato negli ultimi tre esercizi finanziari (2008, 2009 e 2010) presso uno o più Comuni o presso strutture private, relativo allo svolgimento di servizi identici a quello in oggetto, non inferiore dell’importo di €. 600.000,00 al netto di IVA) sono tali da far pensare (forse a torto) che l’unica in grado di soddisfarli fosse proprio la "Cooperativa Insieme si può”
Non ci è dato di sapere, in modo ufficiale, quanti e quali soggetti abbiano manifestato il loro interesse (i consiglieri comunali, se vorranno, potranno richiedere gli atti relativi e chiarirci questo punto) ma sicuramente almeno un soggetto ha espresso il proprio interesse per la gestione del Centro infanzia.
Questo lo deduciamo dal fatto che vi sono state due determinazioni del responsabile Amministrativo del Comune: una in data il 19 Luglio 2011 “Determinazione a contrarre per l'affidamento della gestione del Centro Infanzia Villa Elena di Albina per il periodo 1.09.2011-31.08.2017” e l’altra il 28 Agosto 2011 “Gestione del Centro Infanzia comunale Villa Elena per il periodo 1.09.2011-31.08.2017. Nomina Commissione Giudicatrice per la selezione della migliore offerta .affidamento della gestione del Centro Infanzia Villa Elena di Albina per il periodo 1.09.2011-31.08.2017.”
Se non vi fosse stata nessuna manifestazione di interesse queste due determinazioni non avrebbero avuto senso.
Per gli avvenimenti successivi, noi siamo quasi certi che la sola “Cooperativa Insieme si può" abbia risposto al bando e che con questa sia iniziata la gara informale prevista, che tradotto vuol dire che è iniziata una trattativa tra la Cooperativa e il Sindaco.
Trattativa che non è andata in porto, tanto che in data 29 Agosto sempre lo stesso responsabile emetteva un’altra determinazione dall'oggetto “Centro Infanzia Villa Elena di Albina. Proroga servizio alla Cooperativa Insieme si puo' di Treviso”, proroga che stando alle parole pronunciate dal sindaco nell’ultimo Consiglio Comunale è stata fissata al 30 Novembre 2011.
Si mormora che la trattativa sia fallita soprattutto a causa della richiesta fatta dal Comune (leggi sindaco) di un affitto per Villa Elena di 500 euro al mese.
Ora il Piazzaiolo, che non è un errore ortografico ma che è colui che fa piazze a gogo e che poi, sembra, non abbia 6.000 euro all’anno per sostenere un servizio così importante, rimane con il “cerino acceso in mano”: ha fatto un bando ad hoc per l’attuale gestore, (probabilmente tagliando fuori altri possibili soggetti interessati) e questi lo manda a quel paese.
Cosa ne sarà di Villa Elena? Come farà a giustificarsi? Cosa dirà ai cittadini?
Si sa che il Piazzaiolo è anche un giocatore di carte ed ecco che dalla manica spunta l’asso per potersi salvare.
Il 14 settembre 2011 inoltra formale richiesta di istituzione per l’anno scolastico 2012/2013 di sezioni di scuola materna e primavera alla Provincia di Treviso ed alla Regione del Veneto, nuove sezioni di scuola materna e primavera, da piazzare a Villa Elena e far gestire direttamente dall’Istituto Comprensivo di Gaiarine, che vengono approvate dalla Commissione di distretto formativo il 5 ottobre e successivamente dalla Giunta di Gaiarine il 18 ottobre (potete leggere qui la delibera)
Si parla di sezioni di scuola materna e primavera per cento bambini, ma oggi tra materna e nido ve ne sono meno di 50 di cui una dozzina di Albina, dove troverà gli altri?
Dove troverà gli altri quando gli orari non saranno più flessibili e quindi verrà meno proprio una delle caratteristiche distintive del servizio attuale?
Non vorremmo essere “ profeti in patria”, ma con tutta probabilità l’asilo di Albina sarà destinato a chiudere, perché i genitori, visto il venir meno di un certo tipo di servizio, porteranno i loro bimbi da qualche altra parte e questo potrebbe accadere già dall'anno scolastico 2012/2013 e quindi potrebbero non esserci iscrizioni sufficienti per mantenerlo in vita, ma il Piazzaiolo potrà sempre tentare di affermare che ha fatto di tutto per continuare il servizio, dimenticandosi, però, di dire pubblicamente e in modo trasparente perché la trattativa con la “Cooperativa insieme si può” sia fallita.
Al di là dell’anno scolastico 2012/2013 (chi vivrà, vedrà) resta una cosa importante da chiarire: cosa accadrà dopo il 30 novembre 2011, scadenza della proroga al gestore attuale?
Con tutta probabilità il servizio continuerà per tutto l’anno scolastico, trovando qualche artifizio al di fuori della convenzione con il Comune, poiché sarebbe gravissimo che i genitori e i bambini si trovassero nella condizione di dover cambiare asilo a dicembre, cosa che sconvolgerebbe la loro vita.
Ma a quali condizioni economiche questo avverrà? Ci sarà un rincaro della retta?
Molto probabilmente si e a carico dei genitori, tanto in tempo di crisi ....


04 novembre 2011

Fuori dal Tempio di Pierluigi Di Piazza

Martedì 8 novembre 2011, alle ore 20.30,
presso la Sala del Ballatoio del Palazzo Ragazzoni di Sacile (Sala del Consiglio Comunale di Sacile)
verrà presentato l'ultimo libro di Pierluigi Di Piazza

"Fuori dal Tempio - La Chiesa al servizio dell'umanità".
Interverranno, oltre all'autore, Serena Barbero e Lamberto Pillonetto.
Moderatore: Giorgio Pilastro.
Ingresso libero

«Mi sento laico, umile credente sempre in ricerca, prete per un servizio disponibile, disinteressato, gratuito nella comunità cristiana e nella società; anticlericale, cioè non appartenente ad una categoria; non funzionario della religione. Si può così intuire quale sia a livello di comunicazione l’effetto del cercare giustizia, verità, uguaglianza, pace, condivisione».
Parla don Pierluigi Di Piazza, fondatore del Centro di accoglienza per stranieri Ernesto Balducci di Zugliano, e racconta la sua storia di uomo e di prete, di insegnante e di animatore culturale, alle prese con i temi più discussi nelle comunità cristiane: le delicate posizioni dei separati e divorziati nella Chiesa, l’aborto, l’omosessualità, il celibato dei preti, il sacerdozio delle donne, la pedofilia, la malattia e il fine vita.

28 ottobre 2011

Semo a.. post! (42)

Castigat ridendo mores
che non significa il castigo per chi ride è la morte
come vorrebbero i tristi che si prendono troppo sul serio,
ma correggere i (mal)costumi deridendoli !



15 ottobre 2011

15 ottobre - Giornata degli Indignati

LA CRISI DEGLI ASINI
Un uomo in giacca e cravatta è apparso un giorno in un villaggio. In piedi su una cassetta della frutta, gridò a chi passava che avrebbe comprato a € 100 in contanti ogni asino che gli sarebbe stato offerto. I contadini erano effettivamente un po’ sorpresi, ma il prezzo era alto e quelli che accettarono tornarono a casa con il portafoglio gonfio, felici come una pasqua.
L’uomo venne anche il giorno dopo e questa volta offrì 150 € per asino, e di nuovo tante persone gli vendettero i propri animali. Il giorno seguente offrì 300 € a quelli che non avevano ancora venduto gli ultimi asini del villaggio. Vedendo che non ne rimaneva nessuno, annunciò che avrebbe comprato asini a 500 € la settimana successiva e se ne andò dal villaggio. Il giorno dopo, affidò al suo socio il gregge che aveva appena acquistato e lo inviò nello stesso villaggio con l’ordine di vendere le bestie 400 € l’una. Vedendo la possibilità di realizzare un utile di 100 €, la settimana successiva tutti gli abitanti del villaggio acquistarono asini a quattro volte il prezzo al quale li avevano venduti e, per far ciò, si indebitarono con la banca.
Come era prevedibile, i due uomini d’affari andarono in vacanza in un paradiso fiscale con i soldi guadagnati e tutti gli abitanti del villaggio rimasero con asini senza valore e debiti fino a sopra i capelli. Gli sfortunati provarono invano a vendere gli asini per rimborsare i prestiti. Il corso dell’asino era crollato. Gli animali furono sequestrati ed affittati ai loro precedenti proprietari dal banchiere.

Nonostante ciò il banchiere andò a piangere dal sindaco, spiegando che se non recuperava i prop
ri fondi, sarebbe stato rovinato e avrebbe dovuto esigere il rimborso immediato di tutti i prestiti fatti al Comune. Per evitare questo disastro, il sindaco, invece di dare i soldi agli abitanti del villaggio perché pagassero i propri debiti, diede i soldi al banchiere (che era, guarda caso, suo caro amico e primo assessore).
Eppure quest’ultimo, dopo aver rimpinguato la tesoreria, non cancellò i debiti degli abitanti del villaggio nè quelli del Comune e così tutti continuarono a rimanere immersi nei debiti. Vedendo il proprio disavanzo sul punto di essere declassato e preso alla gola dai tassi di interesse, il Comune chiese l’aiuto dei villaggi vicini, ma questi risposero che non avrebbero potuto aiutarlo in nessun modo poiché avevano vissuto la medesima disgrazia.
Su consiglio disinteressato del banchiere, tutti
decisero di tagliare le spese: meno soldi per le scuole, per i servizi sociali, per le strade, per la sanità … Venne innalzata l’età di pensionamento e licenziati tanti dipendenti pubblici, abbassarono i salari e al contempo le tasse furono aumentate. Dicevano che era inevitabile e promisero di moralizzare questo scandaloso commercio di asini.
Questa triste storia diventa più gustosa quando si scopre che il banchiere e i du
e truffatori sono fratelli e vivono insieme su un'isola delle Bermuda, acquistata con il sudore della fronte. Noi li chiamiamo fratelli Mercato. Molto generosamente, hanno promesso di finanziare la campagna elettorale del sindaco uscente.
Questa storia non è finita perché non sappiamo cosa fecero gli abitanti del villaggio.


E voi, cosa fareste al posto loro?

Se questa storia vi ricorda qualcosa, ritroviamoci tutti nelle strade delle nostre città e dei nostri villaggi Sabato 15 ottobre 2011